LogoLogo

25 October 2002

The summaries in English were extracted from complete articles published on Il Centro - Quotidiano d'Abruzzo and Il Messaggero - Abruzzo edition.

News Archives by Year

1999 | 2000 | 2001 | 2002 | 2003 | 2005

Other News Indexes

Other Sections on Abruzzo

Follow Italy Heritage on Facebook
Provinces of Abruzzo

Il Messaggero

Mortadella war Abruzzo vs. Umbria / Guerra della mortadella tra Abruzzo e Umbria, by Lilli Mandara
At the Food Fair in Turin it is war between Norcia that for months sold on the market its mortadelle in imitation of those of Campotosto. Also Latium risked a war cloning an "amatriciana mortadella". Ernesto Berardi from Campotosto declares: - the difference is that our "coglioni di mulo" are completely worked by hand. The amatriciano bacon, the only ingredient for the true shepherds' pasta, was also from Campotosto. Amatrice was after all an Abruzzese town and shepherds invented the "pasta all'amatriciana" during their seasonal migrations. Then the cooks of Amatrice seeking fortune in Roma, added tomatoes, and that's how the "amatriciana" was born.
[Versione italiana:] È scoppiata la guerra tra Norcia che per mesi ha spacciato sul mercato le sue mortadelline e Campotosto. Anche il Lazio ha rischiato brutto clonando una "mortadella amatriciana". Ernesto Berardi da Campotosto dice: - La differenza è che i nostri "coglioni di mulo" non sono insaccati, ma lavorati completamente a mano». Il guanciale amatriciano, unico ingrediente per la vera pasta dei pastori, è anche di Campotosto». Amatrice era abruzzese e i pastori hanno inventato la pasta all'amatriciana durante la transumanza. Poi i cuochi di Amatrice in cerca di fortuna a Roma, aggiunsero il pomodoro, ed ecco fatta l'amatriciana.

Il Centro

Pescara - Secret D'Annunzio / Il D'Annunzio segreto
Opening of the 29th Congress on «D'Annunzio segreto» in Pescara and Chieti. The "Libro segreto" was the final point of the poet's prose experience, his spiritual and artistic will. From this morning at 10.00 scholars and researchers will offer their interpretations on this last book, to finish tomorrow in the Province Palace in Pescara. Also award of the 9th National Prize for Essays on D'Annunzio.
[Versione italiana:] 29 Convegno di studi su «D'Annunzio segreto», a Pescara e Chieti. Il "Libro segreto" è il punto di arrivo dell'esperienza prosastica del D'Annunzio notturno, il testamento spirituale e artistico del poeta e dell'uomo. Oggi alle ore 10, interventi degli studiosi sull'interpretazione del testo, e domani nel Palazzo della Provincia di Pescara sarà consegnato il 9° Premio nazionale di saggistica dannunziana.

Il Centro

When we were the Albanians / Quando gli albanesi eravamo noi
Stories of Italian emigrants and discrimination in a book by Gian Antonio Stella. In those one hundred years (1876-1976) when 27 milllion italians left with their cardboard cases by ship or train never to return, there were prejudices and shameful truths as there are today about immigrants to Italy, especially Albanians (but also Curds, Chinese, North-Africans), showing how similar things used to be said about Italians immigrants: «we were lynched as thieves of jobs, considered "not visibly black" in Alabama court decisions, accused of being half of the foreigners convicts in New York, we sold our children to exploiters in French glass-factories, we emigrated illegally in hundreds of thousands over the Alps and oceans. And it was only yesterday.
[Versione italiana:] Storie di emigranti italiani discriminati in un libro di Gian Antonio Stella. In quei cento anni (1876-1976) in cui 27 milioni di connazionali presero la valigia di cartone e salirono su una nave o un treno senza ritorno ci furono pregiudizi e verità vergognose come oggi sugli immigrati in Italia, soprattutto albanesi (ma anche curdi, cinesi, nord africani); le stesse cose si dicevano anni fa sui nostri connazionali: «ci linciavano come ladri di posti di lavoro; ci consideravano "non visibilmente negri" nelle sentenze in Alabama; ci accusavano di rappresentare quasi la metà dei detenuti stranieri di New York, vendevamo i nostri bambini agli sfruttatori delle vetrerie francesi, espatriavamo illegalmente a centinaia di migliaia oltre le Alpi e gli oceani. Ed era solo ieri.