LogoLogo

21 June 2002

The summaries in English were extracted from complete articles published on "Il Centro" and "Il Messaggero - Abruzzo edition".
The original articles are no longer available online on the newspaper sites, but may be requested from their archives or consulted in libraries in Abruzzo.

News Archives

Follow ItalyHeritage on Facebook
Provinces of Abruzzo
Abruzzo region

Il Messaggero

Santo Stefano di Sessanio - Mayor guides on Sunday / Domenica il sindaco fa da guida
Through thesmallest communes in beautiful Italy, with the mayors as guides. First Sunday with Antonio D'Aloisio through Santo Stefano: 127 inhabitants inside "Abruzzo Little Tibet", the highest plateau in Europe.
[Versione italiana:] In giro per i comuni "mignon" della bella Italia, con dei "ciceroni" d'eccezione: i sindaci. E sarà proprio con il sindaco Antonio D'Aloisio il comune-guida della speciale domenica: 127 abitanti, collocato nel cuore del "Piccolo Tibet d'Abruzzo", l'altopiano con maggiore altitudine di tutta Europa.

Il Centro

French Tv documentary on Dan Fante / Un documentario tv in Francia per Fante, by Paolo Di Vincenzo
Dan Fante's works seem to share his father's destiny; they are more appreciated internationally than in the States. A long TV documentary was filmed in France on his works.
[Versione italiana:] L'opera di Dan Fante sembra avere lo stesso destino di quella del padre John: un maggior riconoscimento all'estero prima degli Stati Uniti. In Francia è stato girato un lungo documentario tv sulla sua opera.

Il Centro

- Lanciano - Medieval frescoes and Roman ruins in underground Lanciano / Affreschi medievali e reperti romani nel percorso sotterraneo di Lanciano, by Gino Melchiorre
A guide of the underground itinerary between the Diocleziano bridge and the Sanctuary of the Eucharistic Miracle: frescoes, clay floors, walls, ruins of the Roman age described in detail by the authors, who directed the excavation works in past years.
[Versione italiana:] Una guida illustra il percorso archeologico sotterraneo tra il ponte Diocleziano e il santuario del Miracolo Eucaristico. Si tratta di affreschi, pavimenti in coccio pesto, muri di sostegno, reperti d'origine romana descritti con perizia dagli autori che negli anni scorsi sono stati anche gli artefici dei lavori di ricerca e scavo.