in cammino homepage
... in cammino
... in cammino
PAESAGGI E GENTI D'ABRUZZO
PAESAGGI E GENTI D'ABRUZZO
THE ICE WORKERS - I CAVATORI DI GHIACCIO
THE ICE WORKERS - I CAVATORI DI GHIACCIO






Continues from previous page
Continua dalla pagina precedente

Neviera Neviera Neviera
The pastures high up in the Sirente meadows called "Prati Canale" where waters are collected giving origin to a small lake. The Sirente range, with its valleys and canals created by ancient glaciers, includes five important gravelly canals ("brecciai"): Valle Inserrata or Canale Majori, Valle Lupara, Valle Neviera, the Canalone of San Vincenzo and Monte Canale, coming down to the forests, which in their turn cover an area from an altitude of 1100 to 1800 meters. We leave the forest and proceed along the carsick plains, where groups of horses and cows are grazing. One of the cows has on its head an iron gadget, called "frocette" or "nasiera", which forbids nursing. In this area, a breeder tells us, until the 1970's also sheep were grazing.
Il pascolo nei "Prati" del Sirente, chiamati "Prati Canale" dove si raccolgono le acque che danno origine ad un piccolo lago. Il massiccio del Sirente con le valli e i canaloni creati dagli antichi ghiacciai, hanno dato corso a cinque importanti brecciai come valle Inserrata o Canale Majori, valle Lupara, valle Neviera, il canalone di S.Vincenzo e monte Canale che scendono fino ai boschi che a loro volta rivestono un'area che va dai 1100 metri di quota fino i 1800 metri. Usciamo dal bosco, ci muoviamo nei piani carsici dove incontriamo le mandrie di cavalli e mucche. Una di queste presenta sulla testa un ferro, chiamato "le frocette: la nasiera" che impedisce l'allattamento del vitello. In questa area, ci dice un allevatore, fino agli anni '70 pascolavano anche gli ovini.

Neviera
This is the summit of the Sirente range, with its many peaks. We have been walking for hours, and now we are trekking among the peaks following one another at different heights; we go as far as the borders of the canals, once the sites of very ancient glacier circles. We are searching for the brecciaio and with it, the neviera valley. Fog starts rising from the Northern Sirente wall; we must find a passage, an opening to get down into the canal, climb down of an altitude of around 600 meters and reach the neviera site.
La sommità del massiccio del Sirente, i numerosi rilievi della montagna. Camminiamo da diverse ore, percorriamo in trekking le cime del Sirente che a diverse quote si susseguono; ci spingiamo fino al labbro dei canaloni, un tempo siti di antichissimi circhi glaciali. Cerchiamo il brecciaio e quindi la valle della neviera. La nebbia inizia a salire dalla parete nord del Sirente; dobbiamo trovare un passaggio, un varco, per scendere dentro il canalone e superare il dislivello di circa 600 metri e quindi arrivare alla neviera.

Neviera Neviera
Here is the Sirente neviera, which we finally reach after many hours' trekking. The site description corresponds to the reports in the ancient papers in the 1874 historical archive of Secinaro, where the "Valle Serrata" is described, a narrow valley enclosed by steep rocky walls 500 meters high. The valley throughout is a wide gravelly area ("brecciaia") owing to the debris piled up in the centuries as far as the forest border, for a length of 500 meters and a width of 200. At the highest point in the valley the "neviera", just below a rocky wall, is really impressing, as it is always discharging, as temperature changes, coarse gravel and rocks, which have slowly formed a hump protecting the neviera from the sun and winds. Its position to the north keeps the ice there also in the summer months, so that it can be cut and taken down to the valley by convoys of mules.
Ecco la neviera del Sirente, raggiunta dopo molte ore di cammino. La descrizione del luogo coincide con gli antichi carteggi ritrovati nell'archivio storico di Secinaro, datati 1874, dove si illustra la "Valle Serrata", una stretta valle, racchiusa, e circoscritta da balze rocciose a picco con un'altezza di circa 500 metri. La lunghezza della valle diventata un'immensa brecciaia per il materiale detritico che si è accumulato nel corso dei secoli fino al limite del bosco è di 500 metri, mentre la sua larghezza è di 200 metri. Alla sommità della valle, la neviera, sotto una parete, ci impressiona, perché scarica di continuo, con i cambiamenti di temperatura, forte brecciame e blocchi di roccia che nel tempo hanno formato una gobba che protegge la neviera dal sole, dai venti. Esposta a nord, fa sì che il ghiaccio resista nei mesi estivi per essere tagliato e portato a valle dalle carovane di muli.

Neviera
The Sirente neviera: a stream of ice 55 meters long, 6 meters wide, located between a vertical rock wall and a deep ditch. We have to move very carefully. With a threatening noise similar to gunshots the mountain discharges debris and rocks with astounding force. We have to lean against the rock wall for shelter, to avoid being hit.

Continues on the next page

La neviera del Sirente : una lunga lingua di ghiaccio di 55 metri e larga 6, incassata tra la parete verticale e un profondo fosso. Ci muoviamo con molta attenzione. Preceduti da un rumore che sembra un crepitare di armi da sparo, la montagna scarica con una potenza inaudita pietre e brecciame. Ci dobbiamo appoggiare alla parete per trovare riparo ed evitare di essere colpiti.

Continua alla pagina seguente