LogoLogo

La Casa Me'

Poem in the Dialect of Bugnara by Giuseppe Ciamei
La poesia sotto riportata, scritta nel dialetto di Bugnara, ha vinto la trascorsa edizione del Premio Scanno per la Poesia Dialettale, sezione dedicata alle Scuole Elementari. L'autore è Giuseppe Ciamei, 8 anni.

LA CASA ME
Sotte allu castell ce sta la casa me,
quande m'affacce allu balcone
ved'le muntagne a la Croce.
Ah! Quant'è belle, n' me sembr'vere;
ij me rallegre ar'mrarla,
lu core me se riempie de cuntentezza.
La notte de Natale cocdune la và pure alluminà.
Chiù balle, a Sant'Nicole, se sientene
le campanelle de le pecore.
Lu venticielle d' primavere porte
l'addore de le manele e gli mile fiorite.
Mai me ne saziesse, anz', a me che so
nu quatralieglie nu pensiere me cale:
"Che Die ne me ne facce mai scurdà"

LA CASA MIA
Sotto al castello ci sta la casa mia,
quando mi affaccio al balcone
vedo le montagne alla Croce.
Oh! Quanto è bello, non mi sembra vero;
io mi rallegro a rimirarla,
il cuore mi si riempie di gioia.
La notte di Natale qualcuno la illumina pure.
Più giù a San Nicola, si sentono
le campanelle delle pecore.
Il venticello della primavera porta
il profumo dei mandorli e dei meli fioriti.
Non mi sazierei mai anzi, a me che sono
un ragazzino, un pensiero mi viene:
"possa Iddio non farmi dimenticare".

[English version]

Introduction
The poem below, written in the dialect of Bugnara, won the last edition of the Premio Scanno for Dialect Poetry, section for the children of the Elementary School. Author is Giuseppe Ciamei, 8 years old.

MY HOME
Below the castle my home rises,
when I look out of the balcony
I can see the mountains at the Cross.
Oh! How beautiful, does not seem true;
I rejoice in looking at it,
my heart fills with happiness.
On Christmas Night someone also lights it up.
Down towards San Nicola, you can hear
the little bells of the sheep.
The spring breeze almost brings
the perfume of the blossoming almond and apple trees.
I would never get enough of it, on the contrary, though I am just
a little boy, this thought comes to me:
"May God never make me forget".



Bugnara
Follow ItalyHeritage on Facebook: