LogoLogo

Abruzzo and Molise, Italy seen from the sky

Italia vista dal cieloA vintage documentary, directed by Folco Quilici, broadcast on RAI TV in 1970, taken from the series "Italy seen from the sky".

This 4th of the 14 documentaries of the series focusses on Abruzzo and Molise, showing the rugged territory, solitary hamlets, ancient architecture of these two mountainous regions. Produced in 1970, restored 2006, text by Ignazio Silone and Folco Quilici - 36 minutes.
The text appears in the Italian original and English parallel translation.
Follow ItalyHeritage on Facebook:

0:43
Una terra, una gente severa, un paese di antica spiritualità, di tenace attaccamento alla tradizione. Era una veglia di preghiera e di festa quando abbiamo iniziato il nostro itinerario alla scoperta dell'Abruzzo e del Molise. E, confusi tra la folla, abbiamo subito sentito il carattere forte, chiuso, orgoglioso di questa gente. Una prima emozione che i grandi paesaggi altrettanto severi e orgogliosi, avrebbero poi confermato.
A land, sober people, a village of ancient spirituality, tenacious attachment to tradition. It was a vigil of prayer and celebration when we started our journey to discover Abruzzo and Molise. And, mixed in the crowd, we immediately felt the strong, closed, proud character of these people. A first emotion, that the great landscapes just as sober and proud, would have confirmed later.
1:15
Dopo il clamore della festa, il fragore dell'elicottero, e il nostro volo ha inizio da un verde prato di fondovalle. Verso l'interno delle due regioni poche strade, difficili, sovente impervie, avevano tracciato, dai tempi più remoti, fino a pochi decenni or sono, il loro tortuoso cammino tra monti, valli, e altipiani.
After the hype of the festival, the roar of the helicopter, and our flight begins from a green meadow in a valley bottom. Towards the hinterland of the two regions few roads, difficult, often rugged, had traced from the most remote times, until a few decades ago, their tortuous path through mountains, valleys, and plateaus.
2:24
Non era facile raggiungere il borgo arroccato sull'alta cresta rocciosa, o l'abbazia perduta nella solitudine e nel silenzio. A causa di ciò, nelle passate epoche storiche, l'integrazione di queste popolazioni nel comune moto di civiltà fu talvolta più lento che altrove, ma con impronte originali suggerite dal tenace carattere degli uomini.
It was not easy to reach the borough perched on the high rocky ridge, or the abbey lost in solitude and silence. Because of this, in past eras, the integration of these populations into the common motion of civilization was sometimes slower than elsewhere, but with original imprints suggested by the tenacious character of the people.
2:51
Con l'apertura di nuove e più veloci vie di comunicazione fino alle modernissime autostrade, l'Abruzzo e il Molise sono ormai anch'essi alla portata di tutti. È il momento di una certa profonda trasformazione, e a queste terre, in questo loro momento storico, dedichiamo questo film.
With the opening of new and faster ways of communication up to the modern highways, Abruzzo and Molise are now also within reach of everyone. It is the time for some deep change, and to these lands, in this historic moment, we dedicate this film.
4:28
Il destino degli uomini, nella regione che da circa otto secoli viene chiamata Abruzzo, è stato deciso principalmente dalle montagne. Qui, al riparo dall'urto immediato dei maggiori avvenimenti storici, quasi sempre considerati con diffidenza e inimicizia, e subiti solo come forzata conseguenza dei mutamenti politici e militari che sopravvenivano nelle regioni vicine, si è formato e consolidato l'Abruzzo, e gli abruzzesi sono rimasti stretti tra loro in una comunità di destino assai singolare, caratterizzata da una più che tenace fedeltà alle loro ataviche forme economiche e sociali, fedeltà che sarebbe inesplicabile se non si tenesse conto che il fattore costante nell'esistenza di queste genti è appunto il più primitivo e stabile degli elementi: la natura.
The destiny of people, in the region that for nearly eight centuries has been called Abruzzo, was decided mainly by the mountains. Here, sheltered from the immediate impact of major historical events, almost always regarded with suspicion and hostility, and suffered only as a forced result of the political and military changes that took place in neighboring regions, Abruzzo was formed and strengthened, and Abruzzo people stayed close to each other, in a common quite peculiar destiny, characterized by a more than tenacious loyalty to their ancestral economic and social forms, a loyalty that would be inexplicable if not taking into account that the constant factor in the existence of these people is precisely the more primitive and stable of elements: nature.
5:20
Ecco, più alto delle nubi, il cuore di pietra della regione, il massiccio del Gran Sasso, dal quale emerge, stagliato contro il cielo dell'alta quota, la cima del Corno Grande.
Here is, higher than the clouds, the stony heart of the region, the Gran Sasso massif, from which the summit of the Corno Grande emerges, standing out against the high altitude sky.
5:32
La conoscenza delle montagne ha un'importanza primordiale per chiunque voglia capire queste terre, la loro storia e la loro gente. Montagne costituite da calcari cristallini, biancastri o grigi, grandiose gradinate spoglie o erbose, che si alternano ad isolate selve di faggi, di querce, di frassini. Verdi altipiani di struttura alpina, come quelli delle Cinquemiglia, vallate deserte ingombre di depositi alluvionali, ghiaiose, ciottolose, come mostrano le gole del Tronto, del Vomano, del Tirino, del Sagittario, del Sangro; altre fertili, ricche d'acqua.
The knowledge of mountains has an ancestral importance for anyone who wants to understand these lands, their history and their people. Mountains made of crystalline limestones, whitish or gray, grand stairways, bare or grassy, which alternate with isolated forests of beech, oak, ash trees. Green alpine-like highlands, such as the Cinquemiglia, desert valleys choked with alluvial deposits, valleys of gravel, pebbles, as shown by the gorges of the Tronto, the Vomano, Tirino, Sagittario, Sangro; others fertile, rich in water.
6:24
E chi dei fiumi segua il corso, scopre che soltanto con uno sforzo di millenni essi poterono aprirsi una via di uscita verso il mare, incidendo nei massicci montagnosi fessure anguste e profonde.
And who follows the course of rivers, discovers that only by an effort of thousands of years they were able to open an exit towards the sea, cutting narrow, deep slits in the mountain ranges.
6:37
Non è pertanto da stupire se alla stessa guisa, nella continua lotta con le montagne, le frane, le alluvioni, i terremoti, la siccità, le serpi, si sia anche formata tanta parte dello spirito abruzzese, con i suoi terrori, i suoi miti, le sue leggende, le sue superstizioni, e il suo carattere, tenace, paziente, diffidente, sobrio.
It is therefore not surprising that, in the same manner, in the ongoing struggle with mountains, landslides, floods, earthquakes, droughts, snakes, such large part of the Abruzzo spirit was also formed, with its terrors, its myths, its legends, its superstitions, and its character, tenacious, patient, wary, sober.
7:06
Il Gran Sasso, la Maiella, il Velino, erano le tre barriere montuose che difendevano queste terre verso l'esterno, e le spartivano nel suo interno.
The Gran Sasso, the Maiella, the Velino, were the three mountain barriers that defended these lands from the outside, and divided them inside.
7:17
Prima dell'integrazione sotto il dominio di Roma, gli antichi popoli della regione - i Marsi, i Peligni, i Marrucini - avevano qui vita autonoma, con costumanze e dei protettori diversi, ognuno nella propria valle.
Prior to the integration under the domination of Rome, the ancient peoples of the region - the Marsi, the Peligni, the Marrucini - were here living independently, with different customs and protector gods, each in their own valley.
7:41
Siamo sulla Maiella, il secondo grande massiccio montuoso d'Abruzzo; i suoi contrafforti, le sue grotte, i suoi valichi, sono carichi di memoria. Negli stessi luoghi dove un tempo vissero innumerevoli eremiti, in epoca più recente sono stati nascosti centinaia e centinaia di prigionieri evasi e di partigiani, assistiti da gran parte della popolazione; personaggi di avvenimenti disparati, ma che in comune ebbero la forza di una fede in cui credere, religiosa per taluni, per altri politica; in determinate circostanze gli uni e gli altri capaci di eccezionali prove di generosità e coraggio.
We are on the Maiella, the second largest mountain massif of Abruzzo; its buttresses, its caves, its mountain passes are loaded with memory. In the same places where once so many hermits lived, in more recent times hundreds of escaped prisoners and partisans were hidden, backed by most of the population; characters of different events, but who had in common the force of a faith to believe in, for some religious, for others political; in certain circumstances the ones and the others capable of exceptional gestures of generosity and courage.
8:23
Di fronte a queste montagne, appena si entra in quest'ordine di pensieri, è la figura di Pietro da Morrone che prima di ogni altra torna alla mente: una figura limite, un archetipo, l'uomo che visse la sua esistenza in un remoto eremo, tra le rocce più impervie di questa montagna, dalla quale si allontanò solo perchè eletto papa col nome di Celestino V, e che rinunciò poi alla tiara per poter tornare al suo rifugio lontano dal mondo, tra queste gole e in questa solitudine.
In the face of these mountains, as soon as you enter this order of thoughts, it is the figure of Pietro da Morrone that before anyone else comes to mind: an extreme figure, an archetype, a man who lived his life in a remote hermitage, among the most inaccessible rocks of this mountain, from where he left only because elected Pope with the name of Celestine V, and then gave back his tiara to return to his retreat away from the world, among these gorges and in this solitude.
8:53
Le montagne, che in passato, nei mesi invernali, erano praticamente invalicabili, sono state dunque i personaggi più prepotenti della vita abruzzese, e spiegano con la disposizione delle loro valli aperte verso il sud e chiuse verso il nord, il paradosso maggiore della regione: l'Abruzzo, situato nell'Italia centrale, appartiene in realtà all'Italia meridionale. A conferma di ciò si evoca la storia.
The mountains, which in the past, in the winter months, were practically impassable, were therefore the most domineering characters in Abruzzo life, and explain, by the arrangement of their valleys open towards south and closed to the north, the greatest paradox of the region: Abruzzo, located in central Italy, actually belongs to southern Italy. To confirm this, history can be analyzed.
9:18
La regione ricevette il nome di Abruzzo verso il 1170, dopo l'annessione al Regno di Sicilia, e in seguito, salvo brevi periodi, ebbe sempre la stessa sorte politica dell'italia meridionale, volta a volta governata dai normanni di Capua, dai normanni di Puglia, dai normanni di Sicilia, dagli svevi, dagli aragonesi, dai castigliani e infine della dinastia dei Borboni, designata dalla corte di Madrid a reggere l'intero reame.
The region received the name of Abruzzo in about 1170, after its annexation to the Kingdom of Sicily, and later, except for brief periods, always had the same political fate as southern Italy, in turn governed by the Normans of Capua, by the Normans of Apulia, by the Normans of Sicily, by the Swabians, by the Aragonese, by the Castilians and finally by the Bourbon dynasty, appointed by the court of Madrid to rule the entire realm.
9:52
Il mutamento delle stagioni, in terre ove la natura è ancora così prepotentemente la protagonista, assume peso e valori particolari. In Abruzzo e nel Molise l'arrivo della primavera è il vero inizio di un nuovo anno: è il momento dei matrimoni, perché è il momento della vita che rinasce, delle feste, della gioia.
The changing of the seasons, in lands where nature is still so powerfully the protagonist, takes special weight and values. In Abruzzo and Molise the arrival of spring is the true beginning of a new year: it is the time of weddings, because it is the time of life born again, of feasts, of joy.
10:27
È il tempo delle fiere, dei mercati, degli incontri, il tempo in cui ci si ritrova faccia a faccia sulle piazze dei paesi, dei borghi e dei centri urbani dopo il lungo silenzio dell'inverno.
It is the time of fairs, markets, meetings, the time when people meet face to face in the squares of village, boroughs and towns after the long silence of winter.
11:11
Una festa tanto più grande, quella della primavera quanto più il paese che la celebra si trova alto e perduto tra valli e gole profonde, ove per lunghi mesi è rimasto praticamente isolato.
So greater a feast, this feast of spring, the higher is the village that celebrates it, and the more cast away amid valleys and deep gorges, where for many months it remained virtually isolated.
11:22
Sorvoliamo l'abitato di Barrea, nel cuore dell'Abruzzo: rocce e lembi di terra coltivati a fatica; contrariamente al resto dell'italia centrale, dove prevale la mezzadria, le campagne abruzzesi sono per lo più deserte. La vita dei contadini si svolge in borghi come questo. Ecco Scanno, dove assume forme severe, umili, dure, scarne, concentrata nei fatti essenziali della condizione umana: il nascere, l'amare, il soffrire, il morire.
We are flying over the town of Barrea, in the heart of Abruzzo: rocks and strips of land cultivated with difficulty; unlike the rest of central Italy, where sharecropping prevails, the fields of Abruzzo are mostly deserted. The lives of peasants takes place in villages like this. Here is Scanno, where life takes on severe, humble, hard, meagre forms, concentrated in the essential facts of the human condition: birth, love, suffering, dying.
11:59
Paesi come mucchi di pietre grigie. Si sa che gli antichi preferivano costruire sulle alture per difendersi dalle alluvioni e dai vicini. Il paese di Corfinio, che ricorda la lega dei popoli dell'Italia centrale contro Roma. E le case di Opi, sospese sul ciglio di rocce alte su pascoli verdi.
Villages like heaps of gray stones. We know that the ancients preferred to build on high ground to protect themselves from floods and neighbors. The village of Corfinio, reminiscent of the confederation of the peoples of central Italy against Rome. And the houses of Opi, hanging on the edge of high rocks hovering on green pastures.
12:34
Rocca di Mezzo e Castelpetroso, un paese d'Abruzzo e uno del Molise, comuni come cento altri, di antica storia e spesso gelosi custodi di tesori d'arte, ma a causa della stagnante economia della zona da molti decenni rimasti pressoché immutati nel numero dei loro abitanti, quando addirittura non regrediti.
Rocca di Mezzo and Castelpetroso, a village in Abruzzo and one in Molise, communes like a hundred others, of ancient history and often jealous custodians of art treasures, but which, because of the stagnant economy of the area , for many decades have remained virtually unchanged as to the number of their inhabitants, when not even regressed.
12:53
Stiamo volando ai confini tra le due regioni. Ecco Cerro al Volturno. In queste terre i comuni hanno perduto molte decine di migliaia di abitanti; alcuni paesi montani sono ormai quasi deserti, un esodo di cui restano a muta testimonianza le case abbandonate di tanti paesi come questo, Rocchette, in provincia di Isernia.
We are flying over the border between the two regions. Here is Cerro al Volturno. In this lands municipalities have lost tens of thousands of people; some mountain villages are now almost deserted, an exodus of which remain as silent witnesses the abandoned houses of so many villages like this, Rocchette, in the province of Isernia.
13:21
Questa, dovuta al richiamo dei grandi centri, è la terza grande emigrazione della popolazione locale. La prima fu la conseguenza dei terremoti e delle pestilenze del diciassettesimo secolo, e la seconda si svolse ai primi anni del '900, in seguito alle epidemie che distrussero i vigneti delle zone collinose più fertili, e fu una vera e propria fuga di tutta la popolazione valida da tanti paesi ormai cancellati per sempre.
This, due to the call of the great centers, is the third great migration of the local population. The first was the result of earthquakes and plagues of the 17th century, and the second took place in the early 20th, following the epidemics that destroyed the vineyards in the most fertile hilly areas, and it was a real escape of all able population from many hamlets now deleted forever.
13:58
Con il paese cade in rovina la rocca e il castello, mura perdute in un tempo ormai dilatato dal silenzio, dall'abbandono. Altrove, il ricordo della storia civile è invece ancora vivo nella pietra che ha saputo vincere l'ingiuria del tempo. Eccone ad esempio, la quattrocentesca Rocca di Celano. A poca distanza, nello stesso paesaggio della Marsica una immagine ancora più antica: i resti archeologici di Alba Fucense, che fu colonia romana.
With the village, fall in ruins the fortress and the castle, walls lost in a time now expanded by silence, by neglect. Elsewhere, the memory of civil history instead is still alive in the stone that was able to defeat the ravages of time. Here, for example, the 15th-century Rocca di Celano. A short distance away, in the same Marsica landscape an even older image: the archaeological ruins of Alba Fucens, which was a Roman colony.
14:33
Romani sono anche altri resti sparsi nella regione, come questo anfiteatro che sorge non lontano dall'Aquila, di Amiternum, del secondo secolo avanti Cristo.
And Roman are other remnants scattered in the region, as this amphitheater that is located not far from L'Aquila, at Amiternum, of the 2nd century BC.
14:56
Di tre secoli più antiche ecco le pietre di un altro teatro: qui sedevano le genti che con tanta fatica Roma riuscì a piegare, i Sanniti. Rovine venute alla luce nei pressi di Pietrabbondante sulle montagne che dividono il Molise dall'Abruzzo.
Three centuries older here are the stones of another theater: here sat the people whom Rome with so much difficulty was able to defeat, the Samnites. Ruins that came to light near Pietrabbondante, into the mountains that divide Molise from Abruzzo.
15:30
Ancora nel Molise, sorvoliamo l'abbazia della Madonna del Canneto, duecentesca costruzione isolata nella solitudine della valle del Trigno. Nel quadro severo delle sue montagne, e nelle difficili condizioni di esistenza da esse determinate, il profilo spirituale di queste terre fu modellato dal Cristianesimo, e la prima forma di incivilimento di queste regioni emanò dalle grandi abbazie benedettine.
Still in Molise, we are flying over the Abbey of Our Lady of Canneto, a 13th-century building isolated in the solitude of the Trigno valley. Within the harsh context of its mountains, and in the difficult existence conditions by them determined, the spiritual profile of these lands was shaped by Christianity, and the first form of civilization in these regions came from the great Benedictine abbeys.
16:00
Ecco, sotto il paese che la domina, San Clemente a Casauria. La civiltà benedettina aprì la via alla successiva civiltà francescana, che ebbe espressioni stupende come la cattedrale di Atri, e si estese, si può dire, alle parrocchie anche le più umili, e lasciò un impronta precisa sul costume.
Here is, below the village hovering from above, San Clemente a Casauria. The Benedictine civilization paved the way to the following Franciscan civilization, which had wonderful expressions, as the cathedral of Atri, and spread, so to say, even to the most humble parishes, and left a clear imprint on the customs.
16:37
Un altro centro benedettino è San Vincenzo al Volturno, del nono secolo; gioielli di un architettura religiosa a volte isolata nel paesaggio, a volte corpo unico con il centro abitato che lo circonda come la duecentesca chiesa di Santa Giusta a Bazzano. Un'architettura, un'arte, una scuola severa.
Another Benedictine center is San Vincenzo al Volturno, of the 9th century; jewels of a religious architecture at times isolated in the landscape, at times one with the town that surrounds it, as the 13th century church of St. Giusta at Bazzano. A strict architecture, art, school.
17:00
Ecco i dettagli decorativi di una chiesa duecentesca, a Bominaco. Uno stile che riflette nell'asciutta semplicità della pietra scolpita, umile ma al contempo orgogliosa, il carattere stesso di queste terre, e la spiritualità della sua gente. Chiese e cappelle senza storia, perdute tra valli e montagne, come questa che abbiamo filmato sullo sfondo del lago di Scanno, testimoniano di quella vocazione ascetica che fu per molti la forma più accessibile di salvezza ed elevazione di una condizione umana sovente assai dura e prossima alla disperazione.
Here are the decorative details of a 13th-century church, at Bominaco. A style that reflects in the bare simplicity of carved stone, humble but proud at the same time, the character of these lands, and the spirituality of its people. Churches and chapels without a history, lost among valleys and mountains, as this one which we filmed against the backdrop of Lake Scanno, testify to that ascetic vocation which was for many the most accessible form of salvation and elevation of a human condition, often very hard and close to despair.
17:52
Ed egualmente tipico del cristianesimo di queste regioni è il fatto che esso non poté impedire che si inserissero nel culto miti e usanze pagane, raffigurazioni simboliche degli istinti e delle forze naturali, e così tenacemente vi si radicassero da sopravvivere tuttora. Ne è un esempio preciso la festa annuale del santo delle serpi, a Cocullo, ricordo di una lontana celebrazione pagana del popolo dei Marsi che pare adorasse nella serpe una delle sue divinità.
And also typical of the Christianity of these regions is the fact that it could not prevent worship to be permeated with pagan myths and customs, symbolic representations of natural instincts and forces, and from their taking roots so strongly as to survive to our day. One clear example is the annual feast of the saint of snakes, at Cocullo, the memory of a remote pagan celebration of the Marsi people who seem worshipped one of their gods in the snake.
19:19
Un altro esempio di questo sincretismo tra ritualità pagana e spiritualità cristiana è la grande festa pasquale di Sulmona, la città di Ovidio. Abbiamo raggiunto e sorvolato Sulmona prima chele sue strade e la sua grande piazza venissero invase dalla folla di fedeli e pellegrini che qui convengono nel giorno di Pasqua, per assistere ad un rito cristiano ove non è difficile scorgere il ricordo di precedenti, remote feste pagane della primavera. L'antica confraternita di Santa Maria della Tomba celebra la festa della Resurrezione.
Another example of this syncretism between pagan rituals and Christian spirituality is the great feast of Easter in Sulmona, the city of Ovid. We reached and flew over Sulmona before its streets and its large square were invaded by crowds of worshipers and pilgrims wgo gather here on Easter Sunday, to attend a Christian rite where it is not difficult to see the memory of previous remote pagan festivals of spring. The ancient brotherhood of Santa Maria della Tomba are celebrating the feast of the Resurrection.
20:00
Le statue di San Pietro e di San Giovanni si recano alla chiesa di San Filippo per annunciare alla Madre che il Figlio è risorto. Dapprima essa non crede alla notizia ed esita; quindi, improvvisamente convinta, lascia cadere dalle spalle il manto di lutto, e corre veloce verso il Cristo. Tradizione cristiana, lontane origini pagane: quel manto che da nero è diventato verde, cos'altro non è se non la terra che a Pasqua, a primavera, si è risvegliata, spoglia e scura dal lungo letargo invernale?
The statues of St. Peter and St. John go to the church of San Filippo to announce the Mother that the Son is risen. At first she does does not believe the news, and hesitates; then, suddenly convinced, drops from behind her mourning cloak, and runs fast towards Christ. A Christian tradition, remote pagan origins: that cloak that from black has turned green, what else is it but the earth that at Easter, in spring, has awakened, bare and dark from its long winter sleep?
20:59
La religiosità di queste terre ha avuto nel passato un suo specifico peso anche nello sviluppo civile. Furono infatti i motivi di organizzazione religiosa a mutare alcuni paesi in borghi più popolosi, in città. Sorvoliamo Penne d'Abruzzo: questo centro fu il capoluogo della zona fino allo sviluppo industriale recente di Pescara, sulla costa.
The religiosity of this land had in the past its own weight also in civil development. It was in fact for grounds of religious organization that some places changed to more populous boroughs, to towns. We are flyins over Penne d'Abruzzo: this town was the capital of the area until the recent industrial development of Pescara, on the coast.
21:36
Uno sviluppo industriale che ha toccato in parte anche Chieti, alla sua estrema periferia. Ma qui, sorvolando il centro antico della città, ci si accorge che la bilancia tra l'antico e il nuovo a Chieti pende a netto favore della tradizione, e i chietini ne sono coscienti, e in più, anche orgogliosi.
An industrial development that partly touched also Chieti, to its external borders. But here, flying over the ancient center of the city, you'll find that the balance between the old and the new in Chieti hangs in clear favour for tradition, and the Chietini are aware of it, and more than that, even proud.
22:34
L'ostentato orgoglio per la propria città e la propria tradizione è anche quello dei cittadini dell'Aquila, cittadini che, forse per la scarsa immigrazione, hanno tutti qualcosa di comune ereditario del carattere, il cui tratto più notevole è certo la fierezza. Altre città d'Abruzzo rimproverano appunto agli aquilani l'orgoglio. Ma esso appare giustificato se la città, solo a sorvolarla dal cielo, si svela in un così severo e tradizionale impianto urbano e così ricca in pregevoli opere d'architettura civile e religiosa.
The ostentatious pride for their city and its tradition is also typical of the citizens of L'Aquila, who perhaps because of scarce immigration, all have something common, hereditary in character, whose most notable trait is certainly pride. Other cities of Abruzzo blame L'Aquila just for their pride. But it seems justified if the city, only flying over from the sky, reveals such a strict, traditional urban layout and such wealth of valuable works of civil and religious architecture.
23:13
Santa Maria di Collemaggio, il più suggestivo monumento dell'architettura religiosa d'Abruzzo. Fu costruita nel Trecento secondo lo schema tipico delle chiese abruzzesi a coronamento ornamentale (orizzontale). L'orgoglio dei cittadini dell'Aquila è dunque ben fondato, ed è certo una disposizione atavica se gli spagnoli vi eressero un munitissimo castello non per difendere la città ma, come ricorda una lapide, per intimidirla.
Santa Maria di Collemaggio, the most impressive monument of religious architecture in Abruzzo. It was built in the 14th century with the typical concept of churches in Abruzzo with horizontal crowning. The pride of the citizens of L'Aquila is therefore well grounded, and it is certainly an age-old trait, if the Spaniards built a fortifies castle not to defend the city, but, as recalled by a plaque, to humble it.
24:02
Resti e rovine di altri castelli, più antichi, ci aiutano a ricordare, tra leggenda e storia, l'origine dell'Aquila. Sorgevano in questa zona 99 castelli. Con la pace del 1223 Federico II fra tutti ne sceglie uno, il maggiore, detto dell'Aquila, per porvi il centro della sua nuova feudalità. E il centro abitato, più tardi cresciuto all'ombra e nella protezione di quella salda fortezza, avrebbe appunto preso il suo nome: L'Aquila.
Remains and ruins of other castles, more ancient, help us to remember, between legend and history, the origin of L'Aquila. There were in this area 99 castles. With the peace of 1223 Frederick II chooses one among them, the largest, called "dell'Aquila", as the center of his new feudalism. And the town, which later grew up in the shadow and protection of that strong fortress, got exactly that name: L'Aquila.
24:40
Abbiamo lasciato L'Aquila, oltrepassiamo la catena del Gran Sasso che le fa corona. Puntiamo verso un'altra nobile città d'Abruzzo, Teramo, e scopriamo in questo itinerario un versante totalmente diverso dall'altro che sovrasta l'altopiano di Aquila, da parere un'altra montagna, più articolata e varia, boscosa, ricca d'acqua. Sono le foreste di Pietracamela, oltre le quali giungiamo su Teramo, città cresciuta attorno alla sua splendida cattedrale del dodicesimo secolo; città di raccolta misura, dominata da un osservatorio astronomico di fama internazionale, Collurania, ove il cielo viene scrutato e studiato da oltre 70 anni.
We left L'Aquila, we are passing the Gran Sasso chain that is like a crown to the city. We aim towards another noble city of Abruzzo, Teramo, and discover on this journey a totally different side from the one overlooking the plateau of Aquila, so much so that it seems another mountain, more complex and varied, wooded, rich of water. These are the forests of Pietracamela, beyond which we arrive over Teramo, a city that grew around its splendid cathedral of the 12th century; a city of meaured balance, dominated by an astronomical observatory of international renown, Collurania, where the sky has been scrutinized and studied for over 70 years.
25:36
Ma nella regione altri specchi astronomici puntano verso il cielo. La conca del Fucino che sembrava un mondo chiuso nella chiostra dei suoi monti, ha ora il privilegio di funzionare da posto di ascolto planetario. Qui, al Telespazio, le bianche concave occhiaie dei ripetitori dialogano in silenzio coi satelliti alti nel cosmo. Un miracolo della tecnologia d'oggi, al centro di una terra che nasce da una grande operazione di bonifica, che in questi anni compie un secolo. Questo era il fondo di un grande lago, il terzo d'italia per la sua estensione. E ora qui vi sono campi coltivati, ricchi, fertili.
But in the region other astronomical mirrors are pointing toward the sky. The Fucino basin, which looked like a closed world in the cloister of its mountains, now has the privilege to be a planetary listening site. Here, at Telespazio, the white concave circles of repeaters communicate silently with satellites high in space. A miracle of contemporary technology, in the center of a land that rose from a great reclamation operation, which in these years is a century old. This was the bottom of a large lake, the third in Italy for its extension. And now here are cultivated fields, rich, fertile.
26:56
La quieta valle del Pescara, un'altra zona d'Abruzzo che ha subito negli ultimi decenni uno sviluppo impetuoso. Nell'immediato dopoguerra Pescara divenne la cerniera delle relazioni economiche tra il Nord e le Puglie, una posizione che ha favorito un veloce sviluppo industriale, e favorisce sempre di più diversi settori dell'iniziativa cittadina.
The quiet valley of the Pescara, another area of Abruzzo that has undergone a tremendous growth in recent decades. Immediately after the war, Pescara became the hinge of economic relations between the North and Puglia, a position that favoured a rapid industrial development, and more and more favours different economic areas of the city.
27:22
Pescara in trent'anni ha triplicato il numero dei suoi abitanti. Restano gli ingegni da pesca lungo i moli del porto a ricordo di quella Pescara la cui pineta D'Annunzio vedeva come "un ciuffo sconvolto sull'Adriatico verde". Ora la città specchia nel suo canale e nel suo mare sempre nuove fabbriche e grattacieli, in una crescita convulsa e stupefacente.
In thirty years Pescara has tripled the number of its inhabitants. There remain the fishing constructions along the quays of the harbour, as a memory of that Pescara whose pinewood D'Annunzio saw as "a disordered tuft on the green Adriatic." Now the city mirrors in its channel and sea always new factories and skyscrapers, in a hectic, amazing growth.
27:55
A sud di Pescara ecco la terra cantata e dipinta da D'Annunzio e Michetti. Tra le lontane catene montuose e il mare, oltre Lanciano, un'unica ondulata distesa di colli folti di ulivi e di vigneti, e di antichi borghi, ricchi di storia.
To the south of Pescara. here is the land sung and painted by D'Annunzio and Michetti. Between the distant mountains and the sea, beyond Lanciano, a single expanse of undulating hills, thick with olive groves and vineyards, and ancient boroughs, rich in history.
28:25
Sorvoliamo il centro di Vasto per continuare il volo in un paesaggio aperto sull'Adriatico, in un orizzonte sfumato tra colline e mare. Qui, isolata sulla costa, l'abbazia di San Giovanni in Venere dell'ottavo secolo, ricostruita nel 1000 per opera dei benedettini, ci appare nel suo stile compatto, ben differente da quello più snello e ornamentale dell'architettura religiosa dell'interno abruzzese. Pietra tagliata in un impianto di influsso gotico, forse mediato attraverso la vicina Puglia.
We are flying over the center of Vasto, to continue the flight in a landscape open on the Adriatic, in a blurred horizon between the hills and sea. Here, isolated on the coast, the Abbey of San Giovanni in Venere of the 8th century, rebuilt in 1000 by the Benedictines, appears in its compact style, very different from the more slender and ornate religious architecture of interior Abruzzo. The stone is cut in a layout of Gothic influence, perhaps mediated through the nearby Puglia.
28:55
E le Puglie infatti non sono lontane da Termoli, sbocco del Molise sull'Adriatico. Un borgo medioevale proteso sul mare, con il ricordo del suo passato a riflettersi nell'acqua immobile del porto, nodo delle rotte adriatiche verso l'Oriente, punto di partenza di crociate e commerci.
And in fact Puglia is not far from Termoli, the outlet of Molise on the Adriatic. A medieval borough, stretched out on the sea, with the memory of its past reflecting in the still waters od the harbour, a hub of Adriatic routes to the East, a starting point of crusades and trade.
29:15
Lasciato l'Adriatico, penetriamo nell'interno del Molise. Per molto tempo esso era chiamato Contado del Molise, in seguito fu accomunato all'Abruzzo e mantenuto in una ingiusta subordinazione. Il gemellaggio tra le due regioni contigue sembrava naturale finché durò, in queste valli, la transumanza delle greggi che dai monti d'Abruzzo andavano verso il Tavoliere delle Puglie, ma ben presto decadde con l'estinguersi di essa.
After leaving the Adriatic, we get into the hinterland of Molise. For a long time it was called Contado of Molise, later was joined to Abruzzo and kept in an unjust subordination. The twinning of the two contiguous regions seemed natural until there was, in these valleys, the transhumance of flocks from the mountains of Abruzzo going to the Tavoliere of Puglia, but soon declined with the extinction of the latter.
29:47
Il paesaggio molisano è aspro, ma addolcito dal verde di boschi e macchie di quercioli e lecci. La minuscola azienda agricola è diffusissima: sono piccole estensioni di terre coltivate a fatica, campi che giorno per giorno l'uomo e l'aratro contendono alle rocce delle montagne.
The landscape of Molise is rugged, but softened by the green of forests and woods of oaks and holm trees. The small farm is widespread: they are small extensions of land cultivated with difficulty, fields that day by day man and the plow contend to the rocks of the mountains.
30:19
La severità costante del Molise si ammorbidisce nella sorpresa che oltre l'ultima barriera di rocce permette la scoperta della gelosa, incantata solitudine dei suoi paesi. Da Duronia a Pesche, case e uomini fusi con la montagna in un'armonia naturale che le riprese dal cielo ci permettono di conoscere nella sua semplice umiltà.
The constant severity of Molise softens in the surprise that, beyond the last barrier of rocks, allows the discovery of the jealous, enchanted solitude of its villages. From Duronia to Pesche, homes and people merged with the mountains in a natural harmony that shooting from the sky lets us know in its simple humility.
31:00
Da Capracotta, uno dei più alti comuni d'Italia, continuiamo il nostro itinerario sugli antichi centri del Molise. Sorvolata Pescolanciano, dominata dall'antica dimora dei suoi signori, ecco Trivento.
From Capracotta, one of the highest communes in Italy, we continue our journey over the ancient centers of Molise. We fly over Pescolanciano, dominated by the ancient mansion of its lords, and here is Trivento.
32:10
Oltre la valle del Trigno su cui questi paesi si affacciano, raggiungiamo Campobasso, il capoluogo regionale dominato dalla rocca di Monforte.
Beyond the Trigno valley, on which these villages rise, we reach Campobasso, the regional capital dominated by the Monforte fortress.
32:38
Un'antica danza molisana è il ballo dei "Baton" che nei piccoli centri un tempo si danzava nella stagione dei raccolti. È una festa di sapore paesano, ma oggi l'abbiamo filmata sulla piazza di una città - un momento colto a Isernia, che festeggia la sua nascita a provincia.
An ancient dance of Molise is the "Baton" dance, that once used to be danced in the small centres at harvest. It is a feast of rural flavor, but today we filmed it in the square of a city - a moment caught in Isernia, which is celebrating its birth as a province.
33:08
E di nuovo dalle terre del Molise torniamo in Abruzzo, puntando verso il cuore verde della regione, il suo Parco Nazionale, oltre Alfedena e Opi: la Camosciara, il monte Amaro, il monte Irto, il vallone delle Palanche, la Val di Rose, il monte Marsicano - nomi di un'area unica non solo in Italia ma in Europa, dove l'uomo ha inteso rispettare, non prevaricare, mutare. Un bene culturale territoriale, che è pari a quello delle opere d'arte che formano l'altro patrimonio di questa regione.
And again from the lands of Molise we return to Abruzzo, pointing toward the green heart of the region, its National Park, beyond Alfedena and Opi: the Camosciara, Mount Amaro, Mount Irto, the valley of Palanche, the Val di Rose, Mount Marsicano - the names of an area which is unique not only in Italy but in Europe, where man intended to respect, not override, or change. A landscape heritage, which is equal to that of the art works that are the other heritage of the region.
33:56
Ma oggi quest'area di verde diminuisce, e gli ultimi animali del parco vivono precariamente in uno spazio sempre meno libero. Il camoscio è sempre più raro, i caprioli e cervi sono estinti, l'ultima specie presente in italia di orsi è ridotta a poche decine di unità. 30mila ettari di boschi e vallate da salvare, uno spazio ove una natura libera e salva da ogni contaminazione potrà essere di sempre maggiore invito al movimento turistico. Restano, in attesa, le valli e le cime, elementi di quella natura che prepotente e sovrana, ci ha accompagnato, momento dopo momento, nel nostro itinerario, ponendosi come continuo severo confronto con le opere dell'uomo.
But today this area of green is decreasing, and the last animals in the park live precariously in a less and less free space. The chamois is increasingly rare, roe and deer are extinct, the last species of bears present in Italy is reduced to a few dozens. 30 thousand hectares of forests and valleys to be saved, a space where a nature free and safe from all contamination will be an ever growing invitation to tourist movement. Valleys and peaks are still waiting, elements of that nature which, powerful and royal, has accompanied us, moment by moment, in our itinerary, acting as a continuous austere comparison with the works of man.
34:50
Il nostro viaggio finisce qui, finisce sorvolando questo piazzale di marmo aperto come una conca montana, sonoro di acque come una delle tante vallate che abbiamo scoperto dal cielo nel cuore dell'Abruzzo e del Molise. È la Fontana delle 99 Cannelle, all'Aquila. Quest'acqua sgorga qui da sette secoli, e ogni getto simboleggia uno di quei 99 castelli che federandosi, unendosi , contribuirono a costituire quella solidale unità dalla quale nacque la città dell'Aquila simbolo di quella più generale disposizione alla solidarietà dell'uomo di queste terre.
Our journey ends here, ends up flying over this marble square open like a mountain basin, resounding of waters as one of the many valleys that we discovered from the sky in the heart of Abruzzo and Molise. It is the Fountain of the 99 Spouts, L'Aquila. This water has flown here for seven centuries, and each spout symbolizes one of the 99 castles that allying together, joining, helped to shape that fraternal unity from which the city of L'Aquila rose, a symbol of that more general attitude to solidarity of the people of these lands.