LogoLogo

Piemontesina

A folk love song, a symbol of Piedmont tradition, though not in dialect.
It is a waltz which is danced and sung in fairs and festivals, but also symbolic of so many who emigrated from Piedmont. A famous interpreter was Claudio Villa.

[To print the text inside the scrollable box, select it all, copy, and paste in MSWord or other text editor.]
[The video is not seen well with Internet Explorer 8 - in case watch it on YouTube directly.]
Follow ItalyHeritage on Facebook:


 
Addio bei giorni passati,
mia piccola amica ti devo lasciar,
gli studi son già terminati,
abbiamo finito così di sognar.
Lontano andrò, dove non so,
parto col pianto nel cuor,
dammi l'ultimo bacio d'amor.
 
Non ti potrò scordare,
Piemontesina bella,
sarai la sola stella
che brillerai per me.
Ricordi quelle sere
Passate al Valentino
col biondo studentino,
che ti stringeva sul cuor.
 
Rosina il tuo allegro studente
di un giorno lontano è adesso dottor,
io curo la povera gente,
ma pur non riesco
a guarire il mio cuor.
La gioventù non torna più,
quanti ricordi d'amor,
a Torino ho lasciato il mio cuor.