LogoLogo

E picchia picchia la porticella

The stanzas of the song consist of two lines, repeated so as to form a quatrain, in the typical traditional skirmish between mother and daughter.
Follow ItalyHeritage on Facebook:


 
E picchia picchia la porticella
è la mia bella che mi viene aprir
e picchia picchia la porticella
è la mia bella che mi viene aprir
And knocking, knocking on the small door
it's my sweetheart that comes and opens to me
 
E con la mano apre la porta
e con la bocca la mi dà un bacin
e con la mano apre la porta
e con la bocca la mi dà un bacin
And with her hand she opens the door
and with her mouth she gives me a little kiss
 
E quel bacino fu tanto forte
che la mia mamma la mi ha sentì
e quel bacino fu tanto forte
che la mia mamma la mi ha sentì
And that little kiss was so strong
that my mother heard me
 
Che cosa hai fatto figliola mia
che tutto il mondo parla mal di te
che cosa hai fatto figliola mia
che tutto il mondo parla mal di te
What have you done my child
that the whole world speaks ill of you
 
E lascia pure che il mondo dica
io voglio amare chi mi ama me
e lascia pure che il mondo dica
io voglio amare chi mi ama me
And let the world speak
I want to love who loves me
 
Io voglio amare quel giovanotto
che ha sofferto la prigion per me
io voglio amare quel giovanotto
che ha sofferto la prigion per me
I want to love that young man
who suffered the prison for me
 
E la prigione l'è tanto scura
mi fa paura la mi fa morir
e la prigione l'è tanto scura
mi fa paura la mi fa morir
And the prison is so dark
it frightens me, makes me die
 
E la prigione l'è tanto scura
mi fa paura la mi fa morir
e la prigione l'è tanto scura
mi fa paura la mi fa morir
And the prison is so dark
it frightens me, makes me die